La mente creativa (Step 5 – esercizio).
Hai potuto constatare che ogni forma concepibile di forza, oggetto o accadimento deriva da un’azione mentale, la mente in azione è pensiero creativo. La complessità con cui oggi la gente pensa è maggiore che in passato perché viviamo un’era creativa dove il pensatore è riconosciuto e ricompensato. A differenza della mente, la materia è priva di potere, passiva e inerte, la mente è forza, energia e potere e da forma alla materia, la controlla.

Quale che sia la forma assunta dalla materia è derivata da un pensiero preesistente. Non credere che stia parlando di trasformazioni magiche, il pensiero esegue delle leggi naturali, mette in moto delle forze e rilascia delle energie naturali. Il tuo comportamento è la manifestazione del pensiero, le tue azioni si ripercuotono sulle persone che ti sono vicine e infine sull’ambiente circostante. I pensieri sono creativi e tu sei in grado di originarli, ecco perché puoi creare tutte le cose che desideri.

Sappiamo per certo che almeno il 95% della nostra mente è subconscia. Chi non fa uso di questo potere mentale ha dei limiti molto ristretti. Il nostro subconscio sa risolvere qualunque problema a patto che impariamo ad indirizzarlo. I suoi processi sono sempre attivi per cui ci si domanda: “dobbiamo subirli passivamente o piuttosto dobbiamo indirizzarli consciamente?”, “dobbiamo cercare di ottenere una visione delle mete da raggiungere e dei pericoli da evitare, o dobbiamo solo lasciarci trasportare dalla corrente?”.

Sappiamo che la mente subconscia pervade ogni parte del corpo fisico ed è sempre pronta a ricevere istruzioni dalla mente conscia. La mente ha una natura largamente ereditaria, vale a dire che è il risultato dell’impatto complessivo esercitato dagli ambienti di tutte le passate generazioni sulle forze della vita. E’ molto importante avere sempre chiaro questo concetto quando si manifestano in noi dei tratti caratteriali indesiderati. Possiamo avere la capacità di rimuovere consciamente tutte le caratteristiche indesiderabili ed esaltare quelle positive perché questa mente che attraversa il nostro corpo fisico ha origine non solo dalle tendenze ereditarie ma anche da quegli ambienti famigliari, personali e sociali che ci hanno trasmesso un numero infinito di condizionamenti, di idee e di pregiudizi.

Molti aspetti del nostro carattere li abbiamo assorbiti dagli altri sotto forma di opinioni, suggerimenti o affermazioni. Sono comunque tante le idee partorite dai nostri pensieri eppure la maggior parte sono state assimilate dagli altri, con poco o nessun filtro da parte nostra. Avviene così, l’idea sembra plausibile, il livello conscio la accoglie passandola al subconscio, dove è presa in custodia dal sistema nervoso simpatico che la ritrasmette per farla assimilare dal corpo fisico.

In questo modo continuiamo a creare e ricreare noi stessi, oggi siamo il risultato del nostro modo di pensare di ieri e domani diventeremo ciò che stiamo pensando oggi. La Legge di Attrazione ci restituisce non le cose che vogliamo, ma quelle che noi stessi abbiamo creato, consciamente o meno. Se iniziassimo a costruire una casa, quanto tempo dedicheremmo al progetto, ai dettagli, ai materiali più sicuri e soddisfacenti?. Pensa invece con quanta noncuranza noi costruiamo la nostra casa mentale, immensamente più importante di quella di mattoni.

Il tenore della nostra vita dipende dai materiali usati nella costruzione della nostra casa mentale. Come sono fatti questi materiali?, dipende da cosa abbiamo archiviato nei magazzini della nostra mente subconscia. Se ci sono paure, preoccupazioni, affanni e ansie, allora la trama del tessuto che stiamo tessendo è fatta dello stesso materiale negativo, è un tessuto marcio e ammuffito che alimenta il logorio, gli affanni e l’ansia. Saremo eternamente costretti a rattopparlo per dargli un’aria appena decente.

Se, invece, abbiamo accumulato pensieri coraggiosi, se siamo stati ottimisti, positivi e abbiamo immediatamente respinto qualunque tipo di pensiero negativo, a quale risultato saremo giunti?, a un tessuto mentale di prima qualità con cui tessere qualunque abito. Non ci sono pezze da nascondere, la tela è robusta, dobbiamo andarne fieri. Sono realtà psicologiche, processi di pensiero che non hanno nulla da nascondere, sono talmente chiari che chiunque può comprenderli.

Tutti i giorni dobbiamo dare una riordinata al nostro ambiente mentale per tenere la casa sempre pulita, la pulizia mentale e fisica è assolutamente indispensabile se vogliamo fare progressi. La materia mentale pulita che avremo alla fine sarà adatta per produrre gli ideali che desideriamo realizzare. C’è in eredità un bel terreno in attesa di un proprietario, vasti campi dai raccolti abbondanti, corsi d’acqua e legname di qualità, un palazzo spazioso con dipinti rari, una biblioteca ben fornita, ogni lusso e confort.

L’erede non deve fare altro che far valere i propri diritti ereditari e prendere possesso della proprietà, ma deve usarla, non farla andare in rovina, è una proprietà che si possiede solo se la si usa, trascurarla significa perderne il possesso. E’ la tua mente, l’erede sei tu, puoi affermare il tuo diritto all’eredità e usare questo ricco lascito, i suoi frutti sono il potere, i suoi beni sono salute, armonia e prosperità, ti offre stabilità e pace.

Il solo prezzo da pagare è lo sforzo di controllare il raccolto, non ci sono altri sacrifici da compiere eccetto la rinuncia ai tuoi limiti, alle tue servitù, alla tua debolezza, ti dona autostima e ti mette in mano uno scettro. Per conquistare questo terreno devi fare tre cose, desiderarlo sinceramente, pronunciare ad alta voce la tua richiesta di possederlo, infine, prenderne possesso, non sono condizioni così pesanti.

Altri fatti ancora più straordinari sono noti in merito all’ereditarietà della forza mentale, possiamo chiamare tutto questo “eredità umana”. Gli scienziati, tuttavia, non hanno ancora capito un altro tipo di eredità che si colloca al di sotto e a priori di tutte le loro ricerche. Nel momento in cui si arrendono, disperati, dicendo che non possono dar conto di ciò che non vedono, questa eredità divina è invece molto attiva, è la forza benevola che decide la creazione primordiale. Vibra direttamente dal divino fin dentro ogni essere creato, fa quello che un fisico non ha mai fatto e mai potrà fare, da origine alla vita.

Adesso torna nella tua stanza, siediti come ti ho insegnato, nella medesima posizione dei precedenti esercizi e richiama mentalmente un luogo per te gradevole, studialo con attenzione, metti a fuoco gli edifici, i terreni, gli alberi, gli amici, ogni dettaglio. All’inizio ti verrà spontaneo pensare a tutto ciò che brilla sotto il sole, tranne che all’ideale su cui vuoi concentrarti davvero, non scoraggiarti, devi insistere finché non riesci. Alla fine ci riuscirai di certo, ma perché ciò accada dovrai fare pratica, rigorosamente ogni giorno.


Tratto dagli insegnamenti di Charles Haanel nel suo libro “La chiave Suprema” (Audiolibro https://www.youtube.com/watch?v=3m3JLQaCA6A) (Libro https://amzn.to/3kPBWOa -https://amzn.to/2S4iWza – https://amzn.to/334Jneo).
In origine “La chiave suprema” era un corso settimanale spedito per posta agli abbonati, una lezione a settimana resta ancora il ritmo ideale per mettere in pratica il metodo e ottenere i migliori risultati, vi consiglio di mantenerlo. Studiate una lezione a settimana, leggetela e rileggetela, praticate l’esercizio di ogni lezione regolarmente e solo quando sarete sicuri di averla appresa appieno passate alla successiva.